Home La Vera Ignoranza Zeman choch: “Calcio italiano dopato, ecco cosa ho visto oggi”

Zeman choch: “Calcio italiano dopato, ecco cosa ho visto oggi”

5
FLORENCE, ITALY - NOVEMBER 12: Zdenek Zeman during the "Golden Bench" award at Centro Tecnico Federale di Coverciano on November 12, 2018 in Florence, Italy. (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

Zeman choch: “Calcio italiano dopato, ecco cosa ho visto oggi”

 Zdenek Zeman, allenatore del Foggia, si è sfogato a FanPage.it, tornando sulla sua battaglia contro il doping nel mondo del calcio.
Zeman sul doping nel calcio italiano
Doping? “Io ho parlato di abuso di farmaci, poi è venuto fuori che c’era doping vero. Alla fine tutto è andato in prescrizione come sempre in Italia. Le statistiche dicono che l’Italia è il Paese più dopato del mondo in percentuale. C’è qualcosa che non va ma nessuno fa nulla”. 
 
Mai alla Juventus? “Non è vero. È vero che tutti gli allenatori hanno ambizione di arrivare alla Juventus, ma dipende da come arrivano. Io avevo possibilità di parlare della Juventus quando c’era Bonipertii”.
Calcio italiano? “Io penso che a livello giovanile l’Italia si difenda. Le squadre dall’Under 15 in su hanno fatto sempre bene, poi arrivano gli stranieri. La maggior parte di ragazzi che hanno talento e hanno fatto il settore giovanile non arrivano poi in Serie A”. 
Risultati e prestazioni? “Per me è un dibattito che non esiste. In primis perché se una squadra gioca bene alla fine vince. E, secondo, vincere a tutti i costi può portare a cose strane. A tutti i costi non esiste: bisogna giocarsi sempre la gara.
 
Immobile, Verratti e Insigne? “Io li ho avuti 10-12 anni fa ma ho lavorato anche con Florenzi e Barella, che allenavo ma non avete visto con me. Sono contento che gente con talento arrivi a fare grande calcio. Magari c’era qualcun altro che non ha avuto spazio non per colpa sua”.

FLORENCE, ITALY – NOVEMBER 12: Zdenek Zeman during the “Golden Bench” award at Centro Tecnico Federale di Coverciano on November 12, 2018 in Florence, Italy. (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)