Home Calcio Italiano Milan, Reina: “Ho avuto paura, non respiravo più”

Milan, Reina: “Ho avuto paura, non respiravo più”

311
NAPLES, ITALY - FEBRUARY 18: Pepe Reina of Napoli during the serie A match between SSC Napoli and Spal at Stadio San Paolo on February 18, 2018 in Naples, Italy. (Photo by Maurizio Lagana/Getty Images)

Milan, Reina: “Ho avuto paura, non respiravo più”

Ultime Milan | Pepe Reina, portiere del Milan in prestito all’Aston Villa, ha parlato nel corso di un’intervista concessa al Corriere dello Sport:

«Non esco da diciotto giorni». 
 
Le uscite non sono mai state il tuo forte. 
(Sorride) «Diciotto giorni oggi. Mi manca stare con gli altri mia moglie Yolanda, cinque figli e i due suoceri. La casa è grande e la solitudine non vi ha accesso. Però isolato lo sono stato perchè avevo tutti i sintomi.  Febbre, tosse secca, un mal di testa che non mi abbandonava mai, quel senso di spossatezza… L’unico spavento quando per venticinque minuti mi è mancato l’ossigeno, come se la gola si fosse improvvisamente ristretta e l’aria non riuscisse a passare… I primi sei, otto giorni li ho trascorsi chiuso in una stanza». 
 
E poi? 
«E poi ho cominciato a uscire nelle ore notturne, quando anche in casa dormivano. Una vita a targhe alterne. Faccio ancora attenzione a tenermi a distanza dai genitori di Yolanda, non sono più giovanissimi». 
 
Diagnosi Covid-19? 
«I medici della Premier, mi hanno dato tutte le informazioni necessarie, oltre al protocollo da seguire. I tampini qui li fanno solo ai malati gravi, nel mio caso non vi erano dubbi. Virus. Il fisico ha reagito bene. Ti dico la verità, a parte qualche momento non facile, è stata come una febbre». 
 
Voglia di giocare? 
«No, non ne ho affatto. Seguo l’evolversi della situazione e ora sono qui in prestito e non torneremo in campo. Ma quale maggio, forse giugno, luglio, agosto… ero venuto a Birmingham perché avevo bisogno di giocare ogni fine settimana, volevo sentirmi di nuovo protagonista e la sfida che mi aveva proposto l’Aston Villa era l’ideale. Adesso non so più quando, né come finirà. Qui la situazione è molto grave. Le restrizioni sono minori rispetto a quelle italiane, si può ancora uscire». 
 
Spagna?
«Si sono mossi in ritardo, sono nel dramma, temo che i saranno più morti dell’Italia». 
 
Legami? 
«Napoli è la mia dimensione naturale, a Monaco me ne accorsi subito, a Monaco avevo capito di aver lasciato la vita che voleva. Aggiungici che al Bayern ero dietro a Neuer, la volontà di rientrare fu immediata… Non avrei potuto fare una scelta migliore, posso assicurare che non mi sono mai divertito tanto a giocare come nei tre anni di Napoli con Sarri».