Home Storie di Calcio Coronavirus, Mattarella: “Aspettiamo UE, servono altre iniziative”

Coronavirus, Mattarella: “Aspettiamo UE, servono altre iniziative”

92
WASHINGTON, DC - OCTOBER 16: President Sergio Mattarella of Italy listens during a joint news conference with U.S. President Donald Trump in the East Room at the White House October 16, 2019 in Washington, DC. President Trump is hosting President Mattarella at the White House today with an Oval Office meeting, a joint news conference and an evening reception. (Photo by Alex Wong/Getty Images)

Coronavirus, Mattarella: “Aspettiamo UE, servono altre iniziative”

Ultime Coronavirus | Sergio Mattarella, Presidente della Repubblica, ha parlato in un discorso alla Nazione in serata:

“L’Italia si aspetta dall’Ue misure concrete finanziarie ed economiche già nei prossimi giorni. In questo momento hanno la necessità di ulteriori iniziative comuni, superando vecchi schemi ormai fuori dalla realtà delle drammatiche condizioni in cui si trova il nostro Continente.
Anche l’Unione Europea deve dare una mano con la Banca Centrale e la Commissione. Loro hanno assunto importanti e positive decisioni finanziarie ed economiche, sostenute dal Parlamento europeo. Ora serve anche il Consiglio dei Capi dei governi nazionali. Ci si attende qualcosa nei prossimi giorni.
Stiamo vivendo una pagina triste della nostra storia. Queste immagini non saranno dimenticate. Alcuni territori – e in particolare la generazione più anziana – stanno pagando un caro prezzo. Ho sentito tanti amministratori e ho rappresentato loro la vicinanza di tutti noi. Siamo stati costretti a prendere misure rigorose ma indispensabili, con norme di legge – sia all’inizio che dopo la fase di necessario continuo aggiornamento – quindi, sottoposte all’approvazione del Parlamento. Tutto il mondo ora ci ammira, noi siamo la risorsa più importante su cui può contare uno stato democratico. La nostra risposta è ora oggetto di ammirazione anche all’estero, come ho potuto constatare nei tanti colloqui telefonici con Capi di Stato stranieri.
Stiamo pensando anche oggi a cosa far dopo l’emergenza, alle iniziative e alle modalità per rilanciare, gradualmente, la nostra vita sociale e la nostra economia. Nella ricostruzione il nostro popolo ha sempre saputo esprimere il meglio di sé.
Mi auguro che le decisioni siano condivise da soggetti politici, di maggioranza e di opposizione, soggetti sociali, governi dei territori. Unità e coesione sociale sono indispensabili in questa condizione. Quel fenomeno fa pensare che le misure di comportamento adottate stanno producendo effetti positivi per il nostro paese”.