Home Calcio Italiano Juventus: spunta Sancho, ma è asta

Juventus: spunta Sancho, ma è asta

737
UDINE, ITALY - OCTOBER 06: Fabio Paratici general manager of Juventus looks on before the Serie A match between Udinese and Juventus at Stadio Friuli on October 6, 2018 in Udine, Italy. (Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

Juventus: spunta Sancho, ma è asta

Ultime Juventus: Sancho nel mirino di Paratici. Come riportato da Tuttosport, la Juventus monitora anche Sancho del BVB.

Sul calciatore c’è anche il Real Madrid. In effetti la stagione del Real è stata disastrosa e ora toccherà ringiovanire l’organico.

Per questo gli spagnoli preparano una sessione di mercato di nuovo “galactica”, dopo quella al ribasso della scorsa estate, in cui nessuna stella era arrivata a prendere il posto di Ronaldo. La fame di grandi nomi sta ovviamente portando Florentino a duellare con le altre grandi d’Europa: quella per Pogba non è la sola sfida con la Juventus.

UDINE, ITALY – OCTOBER 06: Fabio Paratici general manager of Juventus looks on before the Serie A match between Udinese and Juventus at Stadio Friuli on October 6, 2018 in Udine, Italy. (Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

Il rendimento di Sanchi

Un’altra potrebbe andare in scena per Jadon Sancho, gioiello del Borussia Dortmund su cui il Real Madrid, su esplicita richiesta di Zidane si starebbe muovendo con decisione.

Il suo nome, tuttavia, è anche sul taccuino di Fabio Paratici, come uno dei talenti più brillanti del prossimo decennio, anche se la società bianconera è più orientata su Joao Felix e Federico Chiesa. Con l’attaccante della Fiorentina Sancho ha in comune ruolo, anche lui è un esterno d’attacco, velocità supersonica e valutazione: non meno di 80 milioni.

La cifra è alta ma le qualità del ragazzo che sta trascinando i tedeschi in Bundesliga sono sotto gli occhi di tutti. Sancho convince come Felix ma se lasciasse il Borussia si scatenerebbe di sicuro un’asta. La cifra, però, permetterebbe un’enorme plusvalenza al Dortmund, che nel 2017 lo strappò al Manchester City per 8 milioni sfruttando il fatto che il suo contratto con il club inglese sarebbe scaduto un anno dopo. I 12 gol e l’assist sono una garanzia.