Home Calcio Italiano Inter, Conte: “Handanovic non sta ancora bene”

Inter, Conte: “Handanovic non sta ancora bene”

32
Inter Milan's Italian head coach Antonio Conte (L) and Lecce's head coach Fabio Liverani (R) give instructions during the Italian Serie A football match Lecce vs Inter Milan on January 19, 2020 at the Via del Mare stadium in Lecce. (Photo by Tiziana FABI / AFP) (Photo by TIZIANA FABI/AFP via Getty Images)

Notizie Inter, Conte: “Handanovic non sta ancora bene”

Ultime Inter | Antonio Conte, tecnico dell’Inter, ha parlato a Sky Sport dopo la gara LudogoretsInter:

«Diciamo che il primo tempo i ritmi sono stati bassissimi, ci siamo adeguati alla situazione. Invece il secondo tempo abbiamo alzato la pressione ed abbiamo messo intensità. Il giro palla è stato veloce, siamo riusciti a fare gol ma anche a creare diverse palle gol.

Stiamo provando delle soluzioni a partita in corso per avere nuove opportunità, quindi stiamo vedendo di volta in volta quale potrebbe essere la migliore per cambiare qualcosa ad ogni partita. Fermo restando che c’è una costante e sono le due punte».

Eriksen?  «Lui deve lavorare, penso che possa fare molto meglio di questa sera. Sono contento per lui perché il gol dà fiducia. Deve alzare i ritmi, intensità di gioco e tornare a giocare come faceva negli ultimi anni al Tottenham. Non ha trovato ancora la giusta condizione fisica ma noi siamo per ora tranquilli, non abbiamo ansia. Abbiamo pazienza, sappiamo di aver preso un giocatore che può fare la differenza in qualsiasi momento. Eriksen non può diventare un problema. Siamo tranquilli e sereni e senza ansia faremo in modo di farlo tornare in condizione. Qualcun altro pensa a qualcosa di diverso, io penso al bene dell’Inter e lui può alzare il livello della squadra».

Samir Handanovic?  «La strada nostra in Europa League sarà questa, cioè quella delle rotazioni e vogliamo dare spazio a tutti in questa competizione.

Dobbiamo cercare di andare il più avanti possibile cercando di continuare a fare risultati in questo modo. Non è semplice giocare il giovedì e rigiocare domenica. Questa situazione è difficile dal punto di vista mentale. La risposta c’è stata, il primo tempo siamo stati lenti e poco intensi. Nel secondo tempo abbiamo cambiato passo. Handanovic? Stiamo controllando la situazione di giorno in giorno. Faremo le valutazioni, abbiamo fiducia in Daniele Padelli.

 Handanovic giocherà solo quando sarà veramente pronto, altrimenti fiducia in Daniele e continuiamo a giocare così».