Home Calciomercato Juventus, Pogba non è un sogno

Juventus, Pogba non è un sogno

46
TOPSHOT - Manchester United's French midfielder Paul Pogba reacts after missing a chance during the English League Cup third round football match between Manchester United and Rochdale at Old Trafford in Manchester, north-west England on September 25, 2019. (Photo by Paul ELLIS / AFP) / RESTRICTED TO EDITORIAL USE. No use with unauthorized audio, video, data, fixture lists, club/league logos or 'live' services. Online in-match use limited to 120 images. An additional 40 images may be used in extra time. No video emulation. Social media in-match use limited to 120 images. An additional 40 images may be used in extra time. No use in betting publications, games or single club/league/player publications. / (Photo credit should read PAUL ELLIS/AFP via Getty Images)

Calciomercato Juventus, Pogba non è un sogno

Ultime Juventus: Pogba può arrivare, ora tocca solo alla Juventus. Come riportato dal Corriere dello Sport, il destino di Paul Pogba è ormai segnato.

Il francese vuole lasciare lo United in estate. Per farlo, tuttavia, serve che una big convinca il Manchester United che, anche se disposto a cedere il calciatore, intende essere risarcito adeguatamente.

La volontà del ragazzo è quella di andare via e la società non intende negarlo. Il problema è che ad oggi nessun club ha bussato alla porta degli inglesi con un assegno convincente. Pogba, non è un mistero, piace a Juventus e Real Madrid. Ma per strappalo allo United servirebbe una cifra altissima.

Per i tifosi della Juve, oggi, il francese non è più semplicemente un sogno. Ora ci sono speranze concrete come confermato da Mino Raiola: «Come per Ibra, anche per Paul l’Italia è una seconda casa e non gli dispiacerebbe tornare alla Juve».

Quello che non è mutato negli anni, per il mediano, è il feeling con il mondo Juve – dagli ex compagni, ai dirigenti, ai tifosi – nonostante l’addio del 2016. Elemento che, unito alle parola di Raiola, fa brillare gli occhi dei tifosi bianconeri.
A mettere i bastoni fra le ruote potrebbe essere il mese di giugno: «Ne riparleremo dopo l’Europeo – ammicca Mino – Lui vuole competere ai massimi livelli, ma non certo può scappare adesso se le cose non vanno bene…». Tradotto, sopo Euro 2020 si tratta.

Insomma, per Paul sarà un’estate caldissima, perché il contratto di Pogba andrà in scadenza nel 2021 e quindi i Red Devils dovranno monetizzare. Gli ostacoli sulla strada che porta da Manchester alla Continassa sono principalmente due. Il primo è Real Madrid, dove Zidane e il secondo la spesa di 250 milioni tra cartellino (circa 100) e ingaggio (più o meno 30 lordi all’anno, è immaginabile per cinque anni).