Home Calcio Italiano Inter, Moratti: “E’ mancato Icardi” e Wanda: “Settimana bellissima”

Inter, Moratti: “E’ mancato Icardi” e Wanda: “Settimana bellissima”

6

Inter, Moratti: “E’ mancato Icardi” e Wanda: “Settimana bellissima”

Ultime Inter: Moratti e Wanda Nara fanno infuriare i tifosi. Dopo la prima sconfitta in campionato dell’Inter, arrivano le prime parole da parte di chi non ha apprezzato il trattamento subito da Mauro Icardi. A parlare per prima è stata Wanda Nara che dallo studio di Tiki Taka ha fatto infuriare e non poco i tifosi:

“E’ stata una settimana bellissima. “In Turchia abbiamo vinto 1-0 con gol di Mauro. Una partita difficile, ma è andata bene. E’ stata una bella settimana perché è arrivato anche il primo gol in campionato. E’ mancato il derby di Italia? A voi è mancato Maurito, non a Icardi, in Campionato ed in Champions League“.

Ha parlato poi anche Moratti:

“Icardi? Forse avrei avuto un comportamento diverso, ma non voglio giudicare perchè non so cosa sia successo. Ieri sarebbe stato molto utile. Credo che ci sia stata una polemica tra giocatore e società, per cui la cosa è diventata anche molto giornalistica.

Conte? E’ un professionista con grande continuità d’allenamento, forza e carattere. Sensi e Barella hanno cambiato molto l’Inter, stanno dando personalità alla squadra. Potrebbero sembrare due riserve nella Juve, ma stanno costruendo qualcosa di importante. L’Inter inizia ad avere importanti singoli di personalità. L’allenatore incide parecchio, è importante per come tiene la squadra e per le decisioni che prende. Non ci sono molti allenatori fortissimi.

Lukaku? Deve ancora adattarsi all’Italia, in Inghilterra era più aggressivo. E’ completamente diverso da Higuain, non si possono paragonare.

Calciopoli? Anche il rancore più voluto, dopo tanti anni, inizia a scendere. Invece vedo che insistono, devono trovare qualcuno che non ne sappia niente e gli dia ragione, altrimenti è impossibile. San Siro? Qualche anno fa c’era meno gente allo stadio, si poteva fare un ragionamento simile, ovvero quello di avere uno stadio piccolo, ora serve altro”.