Home Calcio Italiano Buffon: “Ritiro? Siamo a settembre ma mi sento bene”

Buffon: “Ritiro? Siamo a settembre ma mi sento bene”

8
FLORENCE, ITALY - MAY 28: Gianluigi Buffon of Italy reacts during the Italian team press conference at Coverciano on May 28, 2014 in Florence, Italy. (Photo by Claudio Villa/Getty Images)

Buffon: “Ritiro? Siamo a settembre ma mi sento bene”

Notizie Juve | Gianluigi Buffon torna a parlare prima della gara contro il Verona. Il portiere, oggi in campo, ha detto la sua sulla possibilità di ritirarsi al termine della stagione.

“Fino a quando giocherò? Fino a quando non lo so, non cominciamo a settembre, sto bene fisicamente e andiamo avanti”.

Buffon ha poi parlato della sua scelta e della partita.

“E’ una grandissima soddisfazione tornare in campo per l’età che ho e la carriera che porto avanti. Capisco che è una vita incredibile e una carriera bella ed emozionante come la volevo. Bisogna metterci anche qualcosa di proprio.

Verona nel destino, speriamo che sia un buon ritorno ed una bella giornata per tutti. E’ chiaro che se lo sarà per tutti lo sarà anche per me.

Panchina? Il dualismo è una parola inappropriata, le cose sono chiare. Io le ho accettate senza dubbio e mi sta bene, mi faceva piacere tornare a giocare con la Juve. Mi faceva piacere ri-condividere emozioni con i miei compagni, anche con i dirigenti. Questa è stata la spinta maggiore, accettando di buon grado questo ruolo limitato in campo, ma ci sono anche altre sfumature nelle quali uno si può ritagliare uno spazio importante e avere gratificazioni.

Paratici su Buffon

Anche Fabio Paratici ha parlato a Sky Sport della permanenza del numero 12.

“Buffon? A me sembra non sia mai andato via, è naturale vederlo qua, ci aspettiamo che faccia Buffon. E’ una persona speciale oltre che un portiere straordinario, ha dato tanto al club e a me, lo devo ringraziare. E’ il miglior portiere della storia del calcio”.

Paratici ha poi parlato della situazione di Dybala e Mandzukic:

“Dybala? Ci aspettiamo quello che sa fare il nostro numero 10, ci aspettiamo che giochi come sa e si dedichi alla causa.

Post Madrid? La Champions è così, pazza, è questo tipo di competizione e non puoi regalare niente. Se ti distrai succede qualcosa di decisivo. Saimo abituati ed allenati anche a questo.

Mandzukic? La situazione è in stallo, c’è tempo fino al 30 settembre”.