Home Calcio Italiano Juventus: crollo in borsa, è un disastro

Juventus: crollo in borsa, è un disastro

191
Juventus's president Andrea Agnelli looks on during the Italian SuperCup TIM football match Juventus vs lazio on August 13, 2017 at the Olympic stadium in Rome. / AFP PHOTO / ALBERTO PIZZOLI (Photo credit should read ALBERTO PIZZOLI/AFP/Getty Images)

Notizie Juventus: crollo in borsa, è un disastro

Disastro in campo ed in borsa. Come riportato da Calcio&Finanza il titolo della Juventus ha perso il 21% in borsa. Il titolo in apertura non è riuscito ad entrare gli scambi e segna in avvio di seduta un calo teorico del 25%. Entrato negli scambi, il titolo ha poi fatto segnare un -21,8% in avvio per poi entrare in asta di volatilità. Dopo aver chiuso la giornata di ieri a 1,6875 euro per azione (in calo da 1,7060 euro di lunedì, nuovo massimo storico per il titolo), il titolo della Juventus in apertura è sceso fino a 1,3195 euro per azione.

Male in campo e fuori. Cristiano Ronaldo, campione in carica ha mancato le semifinali per la prima volta dal 2011. Nel finale il calciatore della Juve ha perso la testa.

Juve: non basta Ronaldo

L’ex Real aveva portato in vantaggio la Juve, quinto gol nelle ultime 3 di Champions dove nessun altro juventino ha segnato. L’hanno lasciato solo. Sono mancati tutti, da Bernardeschi a Dybala. Ma è mancato soprattutto il gioco.

Come riportato da La Gazzetta dello Sport, non è vero che basta mettere il muso del cavallo davanti al secondo; non è vero che ci si diverte solo al circo; non è vero che il bel gioco non serve a niente. Il gioco, uno stile, che riconosci nell’Ajax e nella Juve no, serve a dare autostima ai giocatori, anche giovanissimi, serve a riempirli di coraggio e aiuta a vincere.

Juventus’s president Andrea Agnelli looks on during the Italian SuperCup TIM football match Juventus vs lazio on August 13, 2017 at the Olympic stadium in Rome. / AFP PHOTO / ALBERTO PIZZOLI (Photo credit should read ALBERTO PIZZOLI/AFP/Getty Images)

Allegri non ha lavorato su questo piano e ora la famiglia Juve, tutta, pagherà il conto ma lui resterà in panchina per provare il nuovo assalto.