Sassuolo, Locatelli: “Voglio giocare in una big”

Sassuolo, Locatelli annuncia il futuro

Manuel Locatelli, centrocampista del Sassuolo, ha parlato nel corso di un’interista concessa al Corriere dello Sport.

«Sono cresciuto e sono pronto. Se necessario anche ad andare all’estero. Ora voglio giocare in Champions. Dopo l’addio al Milan, avevo perso fiducia ma De Zerbi mi ha fatto tornare a immagine di essere importante»

Stagione? 

 

«Per la qualità che abbiamo in rosa potevamo fare ancora melgio. Siamo una bella squadra, giochiamo bene e ci siamo conquistati con merito un posto di prestigioso in classifica. Ora però l’obiettivo è finire ottavi».

Europa?

«Non credo, visto che le prime sette stanno andando forte, mentre noi in alcune partite potevamo penso ad esempio al Torino, ma abbiamo buttato via punti anche contro il Parma e contro lo Spezia in casa».

Inter?

«Il rammarico per quel risultato è grande. Ho visto la partita dalla tv e un episodio dubbio poteva aprirla. Potevamo e dovevamo essere più concreti, anche se di fronte avevamo la formazione che vincerà lo scudetto».

 

A lei cosa ha dato De Zerbi?

«Mi ha aiutato a crescere sotto l’aspetto delle conoscenze tecnico-tattiche, ma mu ha dato una mano umana».

Bastone e Carota?

«Proprio così. Tra noi non sono state solo rose e fiori, abbiamo anche discusso. Anzi, vere e proprie litigate. Dopo quei confronti ero arrabbiato con lui, ma con il tempo ho capito: ciò che diceva era per farmi crescere. Quando sei giovane puoi sbagliare e io l’ho fatto e sono andato in panchina. Nel 2018 avevo scelto il Sassuolo perché De Zerbi mi aveva voluto e, se non mi schierava tra i titolari, rimanevo male».

UDINE, ITALY – MARCH 06: Manuel Locatelli of Sassuolo is put under pressure by Walace of Udinese Calcio during the Serie A match between Udinese Calcio and US Sassuolo at Dacia Arena on March 06, 2021 in Udine, Italy. Sporting stadiums around Italy remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors. (Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)
Impostazioni privacy