Home Calcio Italiano Paolo Rossi è morto: il ricordo dei compagni dell’82

Paolo Rossi è morto: il ricordo dei compagni dell’82

169
FLORENCE, ITALY - JANUARY 17: Paolo Rossi (C) former Italian footballer and World FIFA Champion Spain in 1982 and top scorer during the Italian Football Federation Hall of Fame ceremony at Palazzo Vecchio on January 17, 2017 in Florence, Italy. (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

Paolo Rossi è morto: il ricordo dei compagni dell’82

La morte di Paolo Rossi scuote il mondo del calcio. Il campione del Mondo del 1982 ci ha lasciati all’età di 64 anni, era affetto da un male incurabile.

  Dopo Diego Armando Maradona, anche l’Italia piange uno dei suoi più grandi campioni. Questi i ricordi di chi dell’avventura del 1982 ha fatto parte:

Dino Zoff su Paolo Rossi

Dino Zoff, ex portiere della Nazionale italiana, ha parlato di Paolo Rossi e della sua morte:
“L’ho saputo cinque minuti fa, mi dispiace tantissimo. Sono senza parole, per me è stato fulmine a ciel sereno. Abbiamo sempre avuto un grande rapporto con Paolo, era una persona tanto simpatica ed intelligente. Era un po’ che non ci sentivamo, ci avevano detto qualcosa ma non che la situazione era grave. I rapporti con lui erano stupendi, era simpaticissimo. Doveva stare bene, oggi resta qualcosa difficile da capire”.

Antonio Cabrini su Paolo Rossi

Antonio Cabrini, compagno in Nazionale e alla Juventus, ha parlato all’Ansa della morte di Paolo Rossi:
“Sei mesi fa ho perso un fratello, oggi ne piango un altro. Non voglio dire altro, in questo momento non voglio parlare”.

Bruno Conti su Paolo Rossi

Anche Bruno Conti, che con Rossi ha condiviso la gioia del Mondiale dell’82 in Spagna, ha detto:
“Ci hai portato sul tetto del mondo. Maledetto 2020. Ciao amico mio, riposa in pace“.

Collovarti su Paolo Rossi

Fulvio Collovati ha invece parlato a ‘Radio Rai’ di Paolo Rossi:
 “Noi abbiamo una chat, dove possiamo accedere solo noi del 1982. Stamattina la moglie ci ha dato questa notizia, io faccio fatica a parlare. Se sono campione del Mondo lo devo a lui, i gol, quel Mondiale fu fantastico. Sono stato con lui 15 anni, dalla juniores della Juve. E’ un anno terribile questo, non mi sarei mai aspettato sarebbe arrivata questa notizia”.