Home Calcio Italiano Lazio, Tare si lamenta con la Juve: “Così non vale”

Lazio, Tare si lamenta con la Juve: “Così non vale”

24
ROME, ITALY - FEBRUARY 05: Francesco Acerbi of SS lazio in action during the Serie A match between SS Lazio and Hellas Verona at Stadio Olimpico on February 05, 2020 in Rome, Italy. (Photo by Marco Rosi/Getty Images)
Igli Tare, ds della Lazio, ha parlato nel corso di un’intervista concessa a Sky Sport in occasione della sfida di questa sera contro il Lecce:

Le parole di Tare

“Non penso che ci sia un rischio, non siamo in un buon momento in questa ripresa, è un periodo “no” che è cominciato dalla ripresa. Non l’ho mai detto perchè non volevo ci fossero alibi per i calicaotri. Questo gruppo sta lottando per qualcosa di importante, ma non l’avremmo voluta giocarla in questo modo con gare ravvicinate. 
Noi siamo tra le prime tre squadre che lottano per lo scudetto, ma devo dire che siamo stati sempre penalizzati. Giochiamo la 4a partita ogni tre giorni, questo vuol dire molto.
Purtroppo bisogna dirlo, siamo penalizzati rispetto alle altre, anche due ore di riposo fanno la differenza in questo moemnto. Non mi piacciono le scuse, ma le analisi servono per capire come sono andate le cose. Questo lo abbiamo chiarito tutti con il gruppo, ci crediamo ancora fino all’ultima gara ma così è difficile.
Milinkovic-Savic? Parlavamo di un piccolo infortunio che ha avuto, oggi abbiamo cercato di provare a recuperarlo, potrebbe entrare ma non sta bene nemmeno lui.
Rosa larga? Conta, volevo la squadra completa ma abbiamo avuto tante assenze in questo periodo. Va ricordato che già avevamo fuori per infortunio Marusic e Lulic. Non li abbiamo mai avuti e sono fondamentali. Poi ci son ostati tanti altri piccoli stop, Cataldi, Milinkovic, Leiva. Stanno giocando e si stanno sacrificando e queste cose incidono in un momento del genere e questi calciatori non sono al meglio.
Politica societaria e mercato? Non sta cambiando niente, sono cifre non vere e non abbiamo mai fatto un’offerta di 30 milioni per Kumbulla. Può essere una pedina importante per la nostra formazione. Crediamo che il suo innesto sarebbe una bella opportunità e vogliamo fare uno sforzo ma non vogliamo snaturarci perchè c’è rischio. Facciamo le cose fatte bene in un periodi difficile per tutti.
Inzaghi? Simone è la storia di questa società, è la persona che più a lungo è stata qui, da oltre 20 anni”.