Home Calcio Italiano Juventus: Sarri in bilico, ha un mese di tempo

Juventus: Sarri in bilico, ha un mese di tempo

125
SINGAPORE, SINGAPORE - JULY 21: Head coach Maurizio Sarri of Juventus is seen during the International Champions Cup match between Juventus and Tottenham Hotspur at the Singapore National Stadium on July 21, 2019 in Singapore. (Photo by Thananuwat Srirasant/Getty Images)

Notizie Juventus: Sarri in bilico, ha un mese di tempo

Ultime Juventus: se non è ultimatum poco ci manca. Maurizio Sarri in bilico.

Come riportato da Tuttosport, in nove partite e poco più di un mese, il tecnico si gioca la riconferma.

La Juventus non è società abituata a disfarsi in corsa degli allenatori. Unica eccezione recente, Ciro Ferrara mandato a casa nel gennaio 2010. Per il resto sono sempre rimasti in sella dalla prima all’ultima giornata in campionato, anche Gigi Maifredi nel suo disastroso 90-91.

Per questo appare eccessivo e frettoloso mettere oggi in discussione Maurizio Sarri soprattutto dato il primo posto in classifica.

Ma, in linea con un’altra tradizione juventina, alla fine ciò che conta è la vittoria. E da questo dipenderà il futuro del tecnico anche in virtù di un contratto che avrà scadenza nel 2022.
Un’analisi che verrà effettuata, presumibilmente, alla fine del ciclo accennato all’inizio, quello più delicato nella stagione bianconera dopo che un primo trofeo (la Supercoppa italiana) è stata persa nella finale di Riad contro la Lazio a dicembre.

Da oggi al 1° marzo la Juve troverà di fronte una serie di squadre di tutto rispetto e dovrà confermarsi al primo posto in campionato, anche dopo lo scontro diretto con l’Inter. Un viaggio che comincia domani sera in casa del Milan, per la partita di andata nella semifinale di Coppa Italia. Due squadre ferite, con diverse motivazioni, dall’ultimo turno di campionato e con uno Zlatan Ibrahimovic impressionante, il Milan ha dimostrato di essere molto percoloso.

Seguono due match di campionato contro squadre pericolanti (in casa il Brescia di Diego Lopez, alla seconda panchina, e in trasferta la Spal di Gigi Di Biagio, appena subentrato.

Poi il 26 febbraio sarà di nuovo Europa, con l’andata degli ottavi di Champions League.

Sarà l’antipasto alla madre di tutte le partite, quella dell’Allianz Stadium contro l’Inter. Lo sarà perché sarà la prima volta di Antonio Conte da avversario a Torino.