Home Calciomercato Calciomercato Milan: Ibrahimovic pronto a tornare, le clausole

Calciomercato Milan: Ibrahimovic pronto a tornare, le clausole

MOSCOW, RUSSIA - JUNE 17: Fomer Sweden International Zlatan Ibrahimovic looks on prior to the 2018 FIFA World Cup Russia group F match between Germany and Mexico at Luzhniki Stadium on June 17, 2018 in Moscow, Russia. (Photo by Alexander Hassenstein/Getty Images)

Calciomercato Milan: Ibrahimovic pronto a tornare, le clausole

Milan, il ritorno di Ibra è cosa fatta. Come riportato da Tuttosport, lo svedese sta per sbarcare nuovamente a Milano.

Dopo la sonora sconfitta di Bergamo i rossoneri ripartono dalla storia d’amore con Ibra che si era interrotta nell’estate 2012 non per volere suo. Lui che aveva deciso di lasciare Ajax, Juventus, Inter e poi Barcellona, fu ceduto dal Milan al Psg per motivi di cassa. Uno smacco che ha faticato a digerire, come ha spesso ricordato l’allora ad rossonero Adriano Galliani che per mesi non riuscì più a parlarci al telefono.

Ibrahimovic alla fine ha accettato la proposta che il Milan gli aveva sottoposto il 20 novembre scorso, quando Raiola aveva incontrato i dirigenti a Casa Milan. I rossoneri sono sempre stati in pole nella corsa allo svedese e l’unica alternativa è sempre stata il ritiro.

I dirigenti rossoneri avrebbero voluto il sì di Ibra prima per averlo con sé a Milanello già da metà dicembre e presentarlo in occasione della festa per i 120 anni ma l’accordo non era ancora arrivato.

Ma quale sarà il contratto di Ibrahimovic? Ibra ha accettato 3 milioni netti complessivi da gennaio a fine giugno. Un contratto di 6 mesi e non 18 come chiedeva, ma le possibilità di rimanere a Milano anche per la stagione ’20-21 e percepire 6 milioni più 2 di bonus sono alte, perché, a differenza della prima proposta di novembre, sono cambiati i dettagli per far scattare il prolungamento. Non più la qualificazione alla Champions, traguardo oggettivamente quasi impossibile, ma determinati obiettivi personali da centrale. Sono diversi questi step, alcuni semplici da raggiungere, e se si attiveranno.

Fra i target da inseguire, i gol decisivi (ovvero quelli che porteranno punti, come una rete in un 1-0), il numero totale di gol segnati, gli assist, le presenze da titolare e quelle da subentrato, ma alcuni bonus scatteranno anche con gli obiettivi di squadra (il piazzamento in campionato e l’eventuale vittoria in Coppa Italia).