Home Calcio Italiano Milan, doppia tegola per Gattuso: sono due gli infortunati

Milan, doppia tegola per Gattuso: sono due gli infortunati

399
MILAN, ITALY - FEBRUARY 18: Head coach AC Milan Gennaro Gattuso reacts during the serie A match between AC Milan and UC Sampdoria at Stadio Giuseppe Meazza on February 18, 2018 in Milan, Italy. (Photo by Claudio Villa/Getty Images)

Milan, doppio infortunio per i rossoneri

Milan, doppia tegola per Gattuso: sono due gli infortunati. Ad annunciarl oè stato lo stesso tecnico dei rossoneri Gennario Gattuso.

Inter-Milan, derby della Madonnina: è tutto pronto.  I rossoneri devono vincere per riavvicinare i cugini e metterli nel mirino e tronare in corsa Champions.

Di questo e di tanto altro ha parlato Rino Gattuso oggi in conferenza stampa

 “Questo tipo di partite si preparano da sole, bisogna anzi essere bravi a non sentirla troppo.

La squadra di Spalletti è forte, non solo sulla carta: per battere il Tottenham devi essere forte. Ha grandi valori, grande fisicità: domani dobbiamo stare attenti. Poi hanno anche qualità e noi non dobbiamo commettere errori: l’ultimo derby abbiamo avuto troppa paura, noi dobbiamo giocare come sappiamo. Loro portano 3-4 uomini in area quando vanno a crossare e noi dobbiamo stare attenti su questo aspetto”.

Derby, la partita di Gattuso

MILAN, ITALY – FEBRUARY 18: Head coach AC Milan Gennaro Gattuso reacts during the serie A match between AC Milan and UC Sampdoria at Stadio Giuseppe Meazza on February 18, 2018 in Milan, Italy. (Photo by Claudio Villa/Getty Images)

“Domani dobbiamo far bene tutte e due le fasi, non basta saper solo passeggiare, bisogna saper soffrire, stare bene in campo. La squadra in questi ultimi mesi è migliorata molto a livello mentale.

Confronto? Se sento che l’Inter è migliore non ho nessun fastidio. Abbiamo giocatori diversi, loro hanno più fisicità e in questo noi pecchiamo ma a livello tecnico non ci sentiamo inferiori.

Infortuni? Abbiamo avuto due problemi di distorsione alla caviglia per due giocatori. Non faccio i nomi. Quesa gare vale molto per i tisodi, ma sono sempre tre punti. Ovvio che chi vince si gasa di più, è una partita speciale. I miei giocatori si sentono più forti, più maturi rispetto all’anno scorso. Per ora non penso alla classifica. Perdo l’energia per pensare a come mettere la squadra in campo non per dire: ‘mamma mia se perdo quanti punti di svantaggio ho’. Per vincere servono grandi giocate”.