Home Calcio Estero Karius, in Italia c’è chi l’aspetta a braccia aperte

Karius, in Italia c’è chi l’aspetta a braccia aperte

1164
ROME, ITALY - MAY 02: Loris Karius of Liverpool celebrates after his side score their first goal during the UEFA Champions League Semi Final Second Leg match between A.S. Roma and Liverpool at Stadio Olimpico on May 2, 2018 in Rome, Italy. (Photo by Julian Finney/Getty Images)

Probabilmente, questo è il momento peggiore per Loris Karius e la sua carriera calcistica. Una notte da incubo quella all’Olimpico di Kiev contro il Real Madrid. Non c’è dubbio e, anzi, possiamo solo provare ad immedesimarci nello sfortunatissimo portiere del Liverpool. Tuttavia, per lui ci sono buone notizie: in Italia, infatti, c’è una squadra che lo accoglierebbe a braccia aperte. Si tratta del Rimini, neopromosso in Serie C, che tramite una lettera aperta scritta dal presidente Giorgio Grassi ha invitato Karius a trasferirsi in Romagna per una stagione.

L’invito per Karius

“Il prossimo 22 giugno Loris Karius, portiere del Liverpool protagonista della serataccia nella finale di Champions League, compirà 25 anni. Mi piacerebbe ospitare il portiere tedesco per qualche giorno a Rimini, terra dell’accoglienza e da sempre frequentata dai suoi connazionali”, si legge sul sito ufficiale del Rimini.

“Sarei felice di incontrarlo a Rimini – scrive ancora il presidente Grassi –  per ricordargli come ci voglia solo coraggio, o forse buon senso, per capire che le lezioni migliori sono di solito le più dure, quelle più difficili da sostenere. Ci siamo passati tutti, purtroppo per lui sotto gli occhi di milioni di persone. Perché in fondo l’unico vero fallimento è, in realtà, nel permettere alla sconfitta di avere la meglio su di noi.

Vorrei dire queste parole a Loris perché possano aiutarlo nel diventare l’ennesimo esempio di chi nel calcio, come nella vita, cade e si rialza. Perché sono le persone e la loro determinazione a fare la differenza e non i curriculum, le finali perse o gli errori commessi. Conta invece come ci poniamo davanti alle sfide, con quale spirito e voglia di fare”.