Home La Vera Ignoranza Nazionale: stop alle amichevoli? Decide la FIFA

Nazionale: stop alle amichevoli? Decide la FIFA

25
FLORENCE, ITALY - MAY 15: Head coach Italy Roberto Mancini poses for a photo prior to the press conference at Centro Tecnico Federale di Coverciano on May 15, 2018 in Florence, Italy. (Photo by Claudio Villa/Getty Images)

Nazionale: stop alle amichevoli? Decide la FIFA

Nazionale: Mancini potrebbe non poter avere a disposizione il gruppo per le gare contro Inghilterra e Germania.

E’ ancora tutto in forse, ma si va verso la decisione. I campionati nazionali, le coppe europee e pure le Nazionali. Il calcio dovrà prima o poi fermarsi.

La possibilità di spostare Euro 2020 è un tema caldo di discussione, anche se la Uefa per il momento fa spallucce e non vuole entrare nell’argomento.

Il problema ora è un altro. A breve ci sono le gare delle nazionali che sono programmate durante la pausa di marzo. Molti incontri sono amichevoli, come per esempio quelli dell’Italia contro le due big, ma ce ne sono anche altri che invece dovranno definire le ultime 4 formazioni ad entrare nella competizione.

La UEFA, infatti, attende i famosi play off delle formazioni in arrivo dalla Nations League. E poi ci sono i match di qualificazione ai Mondiali 2022, sia in Asia sia in Sudamerica. Una parte sono stati cancellati ieri dalla Fifa, mentre altri potrebbero giocarsi.

Ed allora è rivolta da parte dei club che non sarebbero affatto felici di mandare a giro per il mondo, tra aerei, pullman, hotel e spogliatoi, i loro tesserati per riaccoglierli per due settimane.

Da Zurigo, sede della Fifa, è stata ufficializzata la decisione di stoppare le gare di qualificazione per il Mondiale in Qatar. La linea è stata stabilita insieme all’Asian Football Confederation. Stop a marzo ma anche a giugno.

Ma ora il problema nel vecchio Continente restano le amichevoli: i principali club europei hanno iniziato a dialogare, con una certa preoccupazione, sul tema.

Sono in ogni caso gare ufficiali della Fifa, le società non possono negare i convocati alle rispettive selezioni, ma vista la situazione mondiale, molti dirigenti si stanno interrogando su come sia possibile un discorso del genere.