Home Calcio Italiano Juventus, Sarri: “Cuadrado? Espulsione severa”

Juventus, Sarri: “Cuadrado? Espulsione severa”

36
NANJING, CHINA - JULY 24: Maurizio Sarri head coach of Juventus reacts during the International Champions Cup match between Juventus and FC Internazionale at the Nanjing Olympic Center Stadium on July 24, 2019 in Nanjing, China. (Photo by Yifan Ding/Getty Images)

Notizie Juventus, Sarri: “Cuadrado? Espulsione severa”

Maurizio Sarri, tecnico della Juventus, ha parlato a Sky Sport dopo la gara persa contro la Lazio:

Buona partita “Abbiamo fatto un ottimo primo tempo, molto bene anzi, poi abbiamo concesso il gol allo scadere e nella ripresa hanno deciso gli episodi. Ma abbiamo giocato una buona partita”

Espulsione Cuadrado “Non abbiamo rispettato le consegne, ci sono errori di posizionamento di Dyabala e Bernardeschi. Abbiamo fatto un rrrore nel rispettare le posizioni e abbiamo pagato con il contropiede. Non sono d’accordo sulla chiara occasione da gol. La palla andava verso l’esterno. Forse l’ammonizione era più corretta. Però li c’è un errore palese”

Bentancurt “Nell’infortunio di Bentacurt sembra interessato il collaterale. Per noi adesso lui è fondamentale nemmeno importante. Ora vediamo come procede”

Squadra in crescita “Nel primo tempo la squadra ha palleggiato bene, avevamo la palla del 2-0 non ho visto grande imprecisione. Lenti nella palla sul loro gol del pareggio. Nel secondo tempo gli episodi condizionano il risultato. Però sinceramente ho visto la squadra in crescita”.

 

Dopo il rosso a Cuadrado, il tecnico ha dovuto rinunciare a Federico Bernardeschi che era stato tra i migliori. I tifosi (una parte) continuano a criticarlo, Sarri a farlo giocare.

Come riportato da Tuttosport, Bernardeschi ieri ha data un altra spiegazione per la sua presenza. Con lui in campo i bianconeri hanno pressato alto ed impedito di impostare l’azione alla Lazio.

Con Juventus era in 10 per l’espulsione di Cuadrado, tuttavia, Bernardeschi è uscito e la Juve è crollata.

Quando la Lazio cercava di iniziare l’azione dal basso, infatti, Bernardeschi saliva altissimo, quasi da centravanti tra Cristiano Ronaldo e Dybala, e i tre andavano ad aggredire i tre difensori laziali, supportati da tutta la squadra che saliva alle loro spalle. Questo atteggiamento tattico ha portato a mezzora di dominio.