Home Calcio Italiano Inter, Conte: “Potrei cambiare modulo con tre punte”

Inter, Conte: “Potrei cambiare modulo con tre punte”

7
Inter Milan's Italian head coach Antonio Conte shouts instructions during the Italian Serie A football match Inter Milan vs Udinese on September 14, 2019 at the San Siro stadium in Milan. (Photo by Miguel MEDINA / AFP) (Photo credit should read MIGUEL MEDINA/AFP/Getty Images)

Notizie Inter, Conte: “Potrei cambiare modulo con tre punte”

Antonio Conte, tecnico dell’Inter, ha parlato in conferenza stampa prima dalla gara di domani contro la SPAL:

“Esposito? La fiducia non dipende dal fatto che partirà o meno dall’inizio. Gli ho dato già grandi responsabilità, è un calciatore dell’Inter in tutti i sensi. Sebastiano non è più la quinta alternativa, ma è già tra i quattro attaccanti disponibili al momento. Non penso alle prossime gare, se vinceremo domani affronteremo poi la Roma con ancora più forza al contrario, cosa che al contrario con un risultato negativo non potremmo fare. La SPAL ci farà faticare. 

Difesa? Semplicemente perché abbiamo avuto modo di lavorare più e meglio su alcuni concetti. Quest’anno si è partiti con un nuovo allenatore, con una nuova idea e continuo a dire che serve pazienza. Ci metto dentro anche tutti gli infortuni che hanno rallentato il corso naturale della nostra crescita”

Gabigol? Il direttore Marotta ha già detto tutto. La società ha le idee molto chiare in questo senso, poi a me piace parlare dei miei. Sono felice per Gabigol, gli auguro il meglio, ma al momento è al Flamengo.

Lotta con la Juve? Io penso solo al fatto che noi abbiamo sostituito laddove gli altri hanno continuato a costruire su rose fatte e finite. Sono andati via tre giocatori importanti dell’Inter, a nessun altro club è successo. Questo deve sorprendere. Abbiamo fatto il mercato sostituendo tre pezzi importanti, anche alla luce di quanto stanno facendo nei loro nuovi club. Sono contento di ciò che sta accadendo, ma pensiamo soprattutto a noi. C’è una bella sorpresa, certo. 

Tre punte? Sì, specialmente quando vanno forzate alcune situazioni. È un qualcosa a cui si può pensare, ma non dobbiamo perdere mai il nostro equilibrio. D’accordo le tre punte, ma la difesa non deve per questo subirne le conseguenze”.