Home La Vera Ignoranza Juventus, Bonucci: “Ho parlato io a Ronaldo”

Juventus, Bonucci: “Ho parlato io a Ronaldo”

9
TURIN, ITALY - NOVEMBER 24: Leonardo Bonucci of Juventus looks on during the Serie A match between Juventus and SPAL at Allianz Stadium on November 24, 2018 in Turin, Italy. (Photo by Tullio M. Puglia/Getty Images)

Juventus, Bonucci: “Ho parlato io a Ronaldo”

Notizie Juve | Leonardo Bonucci, difensore della Juve, a margine della presentazione del libro Il mio amico Leoa:

Caso Ronaldo? 
“Abbiamo parlato, l’importante è che quando manca qualcuno al top della forma fisica ci sia qualcun’altro, mi pare che in queste partite ne abbiamo più di uno che sta dimostrando di essere al top. Lui fa parte di un gruppo, essere competitivi fino alla fine alza il livello dell’allenamento e della squadra la domenica, l’obiettivo è essere competitivi da marzo in poi”.

Champions? 
“Poteva sembrare facile ma non lo è mai, nel calcio non c’è niente di scontato, abbiamo fatto un buon percorso e raggiunto un obiettivo intermedio. Adesso dobbiamo pensare al campionato e al ritorno della Champions penseremo a portare a casa un’altra vittoria a Leverkusen”

Inter e scudetto?
“Sapevo che sarebbe tornata ai vertici sia in campionato che in Champions League, ma io penso alla mia squadra, alla mia società, abbiamo noi l’obiettivo di dare il nostro meglio per arrivare in fondo a tutte le competizione e alzare dei trofei”.

De Ligt?
“Si vedono i miglioramenti e le doti di un grande giocatore, è un ragazzo umile e diventerà uno dei migliori”.

Squadra da evitare in Champions?
“Se devo dirne una dico il Tottenham, col cambio di panchina e l’arrivo di Mourinho in certe partite lui può dare qualcosa in più. Febbraio e marzo sono lontani, potrebbero cambiare tante condizioni fisiche e mentali. Ma con questo cambio il Tottenham si è rimesso in corsa, senza nulla togliere a Pochettino”.

Dybala e saluto militare?
“Era semplicemente uno scherzo, un gioco tra Paulo e Demiral, senza secondo fine”.

Bestia nera da evitare in campo?
“L’ho sempre detto che la mia bestia nera è stato Zapata. Infatti la scorsa settimana che era fuori dai convocati ho esultato tra me e me”.