Home Calciomercato Calciomercato Juventus: Mbappè costa 380 milioni

Calciomercato Juventus: Mbappè costa 380 milioni

11
Mbappè
France's forward Kylian Mbappe reacts after the Euro 2020 Group H football qualification match between France and Moldova at the Stade de France in Saint-Denis, north of Paris, on November 14, 2019. - France won the match 2-1. (Photo by FRANCK FIFE / AFP) (Photo by FRANCK FIFE/AFP via Getty Images)

Calciomercato Juventus: Mbappè costa 380 milioni

Ultime Juventus, Mbappè non è inarrivabile ma il problema è lo sceicco. Come riportato da Tuttosport, i bianconeri sognano il grande colpo dal PSG.

Tra prezzo del cartellino, intorno ai 180 milioni (tanto lo ha pagato il Psg al Monaco) e ingaggio da 20 milioni l’anno moltiplicati per cinque stagioni di contratto, la cifra da investire sarebbe di 380 milioni. 

Paradossalmente però il problema non è di carattere economico, in quanto sia il presidente Andrea Agnelli sia il suo vice Pavel Nedved hanno sostenuto di pensare a un altro colpo alla Cristiano Ronaldo, ma sotto i 25 anni.

Il vero grande “nemico” da superare è il presidente del Psg Nasser Al-Khelaifi: convincere lo sceicco qatariota a cedere l’asso francese è una vera impresa per il semplice motivo che l’imprenditore ha un patrimonio stimato di 60 miliardi di dollari (all’incirca 54 miliardi di euro).

Nasser Al-Khelaifi è presidente del fondo Qatar Sports Investments, che fa a capo al fondo sovrano Qatar Investment Authority, proprietario del Psg e di quote, tra l’altro, di Disney, Volkswagen, Siemens, Virgin, Barclays, Sainsbury’s, Harrods, The Shard, Heathrow Airport e Royal Dutch Shell.

Il club parigino naviga nell’oro ed è stato capace di portare in Francia in una sola estate Neymar (pagando la clausola rescissoria di 222 milioni al Barcellona) e Mbappé (preso in prestito ma con l’accordo di 180 milioni da versare al Monaco).
L’intransigenza di Al-Khelaifi è poi emersa nell’affare Neymar di quest’estate, Al-Khelaifi si è irritato tanto da minacciare di tenere il giocatore fuori rosa fino alla scadenza naturale del contratto, nel 2022.
Da questo episodio si può trarre un’importante lezione su come trattare con lo sceicco qatariota e sugli errori.

La Juve ragiona. Spendere adesso 180 milioni significa poter ammortizzare il prezzo nell’arco di 4-5 stagioni al termine delle quali si può rivendere il giocatore a una cifra persino superiore e intascare una notevole plusvalenza.