Home Calciomercato Calciomercato Milan: Suso via a gennaio se non si sblocca

Calciomercato Milan: Suso via a gennaio se non si sblocca

9
MILAN, ITALY - MAY 19: Fernandez Suso of AC Milan celebrates his goal during the Serie A match between AC Milan and Frosinone Calcio at Stadio Giuseppe Meazza on May 19, 2019 in Milan, Italy. (Photo by Emilio Andreoli/Getty Images)

Calciomercato Milan: Suso via a gennaio se non si sblocca

Calciomercato Milan: Suso rischiatutto. Come riportato da Tuttosport, anche il nuovo allenatore Stefano Pioli, domani contro il Lecce, gli darà subito piena fiducia.

Lo spagnolo ad ogni cambio di panchina è sempre un punto di riferimento più che importante: fondamentale. Le eccezioni sono state Pippo Inzaghi, sulla panchina rossonera quando lo spagnolo arrivò dal Liverpool per una manciata di euro, e ancor di più Sinisa Mihajlovic, che gli concesse appena 55 minuti in un girone intero.

Dall’esperienza rossoblu a oggi le cose sono cambiate sia con Vincenzo Montella che con Rino Gattuso. Non ha fatto eccezione Marco Giampaolo.

Anche quest’anno Suso è stato titolare in tutte e sette le partite sinora disputate dal Milan, saltando per sostituzione soltanto 11 minuti in tutto.  Giampaolo lo ha considerato per un po’ trequartista, un po’ esterno.

Pioli lo proporrà proprio in quel ruolo, ala destra, dove lo spagnolo si sente a suo agio. Ma questa volta, per Suso, siamo davvero all’ultima spiaggia. Non ha più molto tempo davanti a sè per dimostrare di meritarsi il Milan.

Suso è stato pagato 250 mila euro, all’epoca, grazie a una intuizione dell’allora ds Rocco Maiorino, subito condivisa da Adriano Galliani. Questo significa che, in caso di cessione, sarebbe una plusvalenza piena. Il Milan, in questi anni, ha ricevuto qualche timida richiesta, mai andata troppo a fondo, anche a fronte di una clausola di rescissione di 38 milioni di euro, peraltro valida solo per l’estero. Se l’ex Liverpool non dimostra di essere un trascinatore sarà messo da parte e potrebbe andare via anche a gennaio.

Se Pioli riuscisse nel miracolo di farlo tornare quello che nei sei mesi al Genoa fu la gioia di Gaseprini, allora il Milan sarebbe ben contento di affidargli un ruolo importante ma se così non sarà, allora si consumerà l’addio.