Home Calcio Italiano Conte attacca Sarri: “Giocare alle 15? Meglio non tirare fuori i bilanci”

Conte attacca Sarri: “Giocare alle 15? Meglio non tirare fuori i bilanci”

9
Inter Milan's Italian head coach Antonio Conte shouts instructions during the Italian Serie A football match Inter Milan vs Udinese on September 14, 2019 at the San Siro stadium in Milan. (Photo by Miguel MEDINA / AFP) (Photo credit should read MIGUEL MEDINA/AFP/Getty Images)

Conte attacca Sarri: “Giocare alle 15? Meglio non tirare fuori i bilanci”

E’ già Juventus-Inter. Antonio Conte, tecnico dell’Inter, ha lanciato una prima frecciata a Maurizio Sarri.

Dopo che la Juventus ha frenato a Firenze e l’Inter si è presa la testa della classifica, è partito il testa a testa tra le due squadre.

Il tecnico della Juve Sarri aveva avuto da ridire sulle alte temperature del Franchi:

“Adesso giocare alle 15 o alle 20.45 cambia, perché in campo c’erano 35 gradi”.

Dichiarazione che ha innescato numerose polemiche e che non è passata inosservata dalle pari di Antonio Conte che ha subito replicato:

“Le sue parole? Non voglio dire niente perché altrimenti iniziamo a tirare fuori bilanci e stati patrimoniali. Qualcuno però deve stare sereno perché adesso è al lato forte”.

Conte ha poi aggiunto sulla corsa scudetto con la Juventus:

“Conosciamo il giochino, so che in questo momento è importante trovare un’antagonista alla Juve e capisco che sia importante che l’antagonista debba essere l’Inter, ma non si diventa vincenti dall’oggi al domani e abbiamo una strada lunga davanti, c’è ancora molto lavoro da fare, dovremo soffrire”. 

Antonio Conte a Sky dopo la gara

Inter Milan’s Italian head coach Antonio Conte shouts instructions during the Italian Serie A football match Inter Milan vs Udinese on September 14, 2019 at the San Siro stadium in Milan. (Photo by Miguel MEDINA / AFP) (Photo credit should read MIGUEL MEDINA/AFP/Getty Images)

Antonio Conte aveva poi aggiunto a Sky Sport:

“Ci sarà da lottare ogni partita, dovremmo essere bravi, ho già fatto i complimenti ai ragazzi. Era una partita difficile contro una squadra forte fisicamente, i tre punti sono stati molto importanti. L’Udinese è sempre restata in partita, dovevamo essere più cinici a chiudere il discorso. Lasagna e Fofana erano due giocatori pericolosi in partenza. Leggo troppe fesserie, non dobbiamo pensare a niente e nessuno. Ho avuto grandi risposte da tutti i giocatori, la strada è lunga non dobbiamo farci prendere da facili entusiasmi”