Home La Vera Ignoranza Juventus, Sarri: “Emre Can? Capisco la reazione”

Juventus, Sarri: “Emre Can? Capisco la reazione”

9
NANJING, CHINA - JULY 24: Maurizio Sarri head coach of Juventus reacts during the International Champions Cup match between Juventus and FC Internazionale at the Nanjing Olympic Center Stadium on July 24, 2019 in Nanjing, China. (Photo by Yifan Ding/Getty Images)

Notizie Juventus, Sarri: “Emre Can? Capisco la reazione”

Ultime Juve | Maurizio Sarri, tecnico della Juventus, ha parlato in conferenza stampa prima della gara domani contro la Fiorentina:

“Formazione? Non è facile alla Juve, sono in imbarazzo. Avendo la lista UEFA andava fatta una scelta indispensabile, che può essere condivisibile o no ma va fatta, magari anche controvoglia. Chiaro che non mi fa piacere perché sono coinvolti due giocatori importantissimi. Ma è anche la grande fortuna di avere una rosa in cui solo un giocatore è indispensabile”.

Sarri ha poi parlato anche delle possibili scelte in vista della liste campionato e Champions League, tornando sull’esclusione di Emre Can.

“Emre Can? In questo momento la nostra attenzione dev’essere risolta al campionato. Poi penseremo alla coppa. Siamo in un momento in cui la squadra deve prendere una sua identità e capire cosa le chiedo. Noi dobbiamo combattere una piccola difficoltà che è quella di avere tanti giocatori che nell’ultimo periodo hanno giocato pochissimo. L’aspetto positivo che questo gruppo sta lavorando bene, ho detto ieri che mai avevo visto durante la sosta lavorare i giocatori così bene e invece questi ragazzi lo hanno fatto.

La reazione di Emre Can? Ho l’età giusta per capire certe reazioni. In certi momenti bisogna lasciare che il giocatori tiri fuori la cosa. Sicuramente andrà meglio. A centrocampo siamo molto forti, c’è anche Pjanic ad esempio. Può fare due ruoli, in questo momento sta facendo il vertice bassi e in questo momento le mie sensazioni su di lui sono importanti”.

Sarri sugli infortuni:

“Non dimentichiamoci di Ramsey. Qualche settimana era molto indietro rispetto ai compagni dal punto di vista fisico. Negli ultimi dieci giorni ho visto dei passi in avanti. Non è ancora al massimo ma se l’evoluzione sarà questa può tornare presto a un alto livello. Giocatore tecnico, la collocazione dovrà essere quella giusta per le sue caratteristiche.