Home Calcio Italiano Milan, ribaltone Tare: può arrivare con Gattuso in panchina

Milan, ribaltone Tare: può arrivare con Gattuso in panchina

74
CAGLIARI, ITALY - SEPTEMBER 16: Leonardo of Milan looks on during the serie A match between Cagliari and AC Milan at Sardegna Arena on September 16, 2018 in Cagliari, Italy. (Photo by Enrico Locci/Getty Images)

Notizie Milan, Tare come ds? Addio a Leonardo vicino

Ultime Milan, c’è Tare nel futuro dei rossoneri. Gattuso potrebbe anche restare. Come riportato da cm.com la dirigenza sta pensando di cambiare il quadro tecnico.

CAGLIARI, ITALY – SEPTEMBER 16: Leonardo of Milan looks on during the serie A match between Cagliari and AC Milan at Sardegna Arena on September 16, 2018 in Cagliari, Italy. (Photo by Enrico Locci/Getty Images)

Anche l’operato di Leonardo è finito sotto la lente di ingrandimento. Il posto del brasiliano non è più così saldo.  Diversi colpi come Higuain e Laxalt, si sono dimostrati non all’altezza. Nei giorni al Milan è stato accostato l’attuale ds del Lille Luis Campos, profilo particolarmente gradito a Ivan Gazidis. 

Tuttavia tra le alternative è spuntato l’albanese della Lazio. Non sarà semplice.Tare ha un contratto piuttosto lungo con il club biancoceleste e un forte legame con Lotito. Magari con Tare a Milano potrebbe sbarcare anche Inzaghi. O addiruttura con Gattuso in panchina. La posizione del tecnico non è più così in bilico, anche senza Champions il suo operato non è dispiaciuto alla dirigenze e senza Leonardo, tra i suoi più grandi “nemici” si aprirebbe uno spiraglio per restare.

Dopo dieci mesi, il fondo Elliott è pronto a disegnare il suo Milan. Perché è evidente che la stagione che sta per concludersi sia da considerarsi una sorta di anno zero, visto che la famiglia Singer rilevò il club rossonero da Yonghong Li a inizio luglio, quando ormai la stagione sportiva era già iniziata. In pochi giorni Elliott scelse il nuovo presidente (Scaroni), definì il cda, diede la parte sportiva in mano a Leonardo (25 luglio) e Maldini (5 agosto) che dovettero rinforzare e completare la squadra in poco meno di venticinque giorni, confermando in panchina Gattuso. Il tutto senza coprire la casella di amministratore delegato che è stata poi assegnata a Gazidis, entrato nel suo ufficio solamente a dicembre. Insomma, l’ingresso di Elliott è un work in progress continuo. Da giugno, però, le cose saranno diverse. La società rossonera avrà finalmente trovato una sua stabilità.