sabato, Maggio 25, 2019
Home Calcio Italiano Inter, Icardi resta? L’entourage: “Resta a Milano”

Inter, Icardi resta? L’entourage: “Resta a Milano”

150
PARMA, ITALY - FEBRUARY 09: Mauro Icardi of FC Internazionale reacts during the Serie A match between Parma Calcio and FC Internazionale at Stadio Ennio Tardini on February 10, 2019 in Parma, Italy. (Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

Noizie Inter, Icardi resta? L’entourage: “Resta a Milano”

Calciomercato Inter, Icardi potrebbe restare. Filtra questa voce dagli ambienti vicini all’attaccante argentino. Letterio Pino, intermediario e consulente legale di Wanda Nara nella gestione di Icardi, ha parlato proprio di questo nel corso di una breve intervista concessa a cm.com:

PARMA, ITALY – FEBRUARY 09: Mauro Icardi of FC Internazionale reacts during the Serie A match between Parma Calcio and FC Internazionale at Stadio Ennio Tardini on February 10, 2019 in Parma, Italy. (Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)
“Io conosco bene Mauro da quando aveva 17 anni e si è trasferito in Italia. È una persona splendida, che non merita quello che gli sta succedendo. Non voglio entrare nel merito delle ragioni per cui gli è stata tolta la fascia da capitano, ma lui si sentiva il capitano di questa squadra che ha scelto, non ha tradito e non vorrà mai tradire. Se resterà all’Inter? Da tifoso spero di sì, da professionista penso di sì”.

Inter: Conte lo ha già scaricato

Tuttavia il nuovo tecnico Antonio Conte ha già dato indicazioni diverse alla società. In effetti l’ultimo gol Mauro Icardi l’ha segnato il 2 dicembre a Roma. Da allora ha trasformato tre calci di rigore, compreso quello al Genoa, l’unica rete post-riabilitazione. Beppe Marotta, quando si è sobbarcato un’estenuante trattativa con l’avvocato scelto da Wanda Nara pur di rimandarlo in campo, sperava che Icardi tornasse al gol e facessi rialzare il suo prezzo. Così non è stato ed ora l’ex Samp è un peso per la società.

Anche per questo ora la patata bollente resta in mano all’ad e a Piero Ausilio che dovrà piazzare al meglio un giocatore il cui valore si è dimezzato negli ultimi mesi.

E’ questa l’unica strada da percorrere anche perchè Antonio Conte avrebbe già dichiarato il suo poco apprezzamento per Icardi in campo e non. L’ex ct vuole uomini capaci di guidare il gruppo alla vittoria al di là di ogni ostacolo.

Anche per questo Marotta e Ausilio hanno ben chiaro il problema: ovvero riuscire a vendere al meglio Icardi e, in tal senso, la strada più facilmente percorribile porta a uno scambio o a un affare che, oltre a una contropartita, preveda un conguaglio a favore del club nerazzurro. Tutti gli indizi portano a Torino ma la Juve, al momento, non intende fare favori.