Home Calciomercato Inter: c’è Lukaku nel destino, lo vuole Conte

Inter: c’è Lukaku nel destino, lo vuole Conte

130

Calciomercato Inter: c’è Lukaku al posto di Icardi.

Notizie Inter: Lukaku sarà la punta di Antonio Conte. Come riportato da Tuttosport, l’esperienza nerazzurra di Mauro Icardi si è virtualmente chiusa lo scorso 13 Febbraio, quando gli è stata tolta la fascia da capitano.

Il calciatore potrebbe essere utilizzato anche come pedina di scambio per arrivare ad altri obiettivi, e da questo punto di vista rimane sempre in voga la pista che porta a Paulo Dybala. Si cercherà, però, anche una prima punta adatta al sistema di gioco di Antonio Conte.

Il primo nome sulla lista è quello del giocatore del Manchester United Romelu Lukaku, per arrivare al quale si proverà ad intavolare uno scambio con Ivan Perisic, che ha più volte dichiarato di gradire un trasferimento in Premier League.

L’alternativa, decisamente più economica, porta ad Edin Dzeko. L’attaccante della Roma ha il curriculum giusto e la dirigenza sarebbe disposta ad accollarsi il suo oneroso stipendio (di circa 6,5 milioni). Tuttavia l’Inter non farà follie per il suo cartellino.

Ultime Inter: in arrivo anche Rakitic?

A proposito di nomi importanti, questa potrebbe essere l’estate di Ivan Rakitic in Italia. Dopo Modric, il croato è l’altro sogno nerazzurro. Come riportato da La Gazzetta dello Sport, l’ex Siviglia è passato da fondamentale a cedibile, nel breve spazio di una catastrofe.

La scoppola rimediata ad Anfield ha fatto improvvisamente aprire gli occhi a tifosi e dirigenti che sinora avevano ignorato il fatto che la rosa del Barça stia invecchiando.

In Spagna sono certi, Barcellona sono vicini all’accordo per Rakitic. Chiusura possibile attorno ai 50 milioni di euro. Nonostante Rakitic, 31 anni, abbia una clausola da 125 milioni e un contratto, rinnovato nel marzo di 2 anni fa, fino al 2021. A quanto pare al Barça è entrata una fretta bestiale di disfarsi di un giocatore che per Ernesto Valverde è fondamentale. Tuttavia pare difficile che l’Inter avalli questo tipo di investimento economico.