Home La Vera Ignoranza Arsenal, insulti a Koulibaly: sta per finire nei guai

Arsenal, insulti a Koulibaly: sta per finire nei guai

177

Napoli: insulti razzisti a Koulibaly: ora rischia una condanna esemplare

Notizie Napoli: Koulibaly insultato a Londra, ora il colpevole sta per finire in grossi guai. L’ultimo turno di Champions ed Europa League, oltre ad aver regalato grandi emozioni in campo, ha purtroppo riportato alla luce il peggio dagli stadi.

Due i casi di razzismo all’interno degli impianti di gioco.. Dopo il caso di Momo Salah, insultato da un gruppo di tifosi del Chelsea durante la recente partita di Premier League, in occasione della sfida tra Arsenal e Napoli è un tifoso dei Gunners ad aver rivolto pesanti insulti razzisti a Kalidou Koulibaly.

Il tutto documentato da un video pubblicato sul social network “Snapchat” e girato durante la partita. Nel filmato si vede e si sente il tifoso inveire contro il difensore senegalese. Non un semplice avversario ma gli insulti sono stati dovuti al colore della pelle del centrale franco-senegalese. Un gesto inqualificabile, che ha costretto l’Arsenal a condannare subito l’accaduto. Il club inglese ha emesso un comunicato tramite Sky Sports News.

 

“Condanniamo completamente l’utilizzo di questo tipo di linguaggio razzista – ha fatto sapere il club londinese – e abbiamo intrapreso un’indagine per identificare il colpevole. Seguiamo il principio della ‘tolleranza zero’: chiunque si comporta così non è benvenuto all’Arsenal e sarà bandito dalle partite”.

Arsenal: daspo a vita per il tifoso

L’indagine avviata dalla società della capitale inglese, darà probabilmente i suoi frutti nelle prossime ore quando verrà rintracciato e punito severamente il colpevole.

L’episodio è accaduto quando Koulibaly ha allontanato un corner battuto da Torreira. “La nostra comunità di tifosi è molto variegata e fanno tutti parte della famiglia. Incidenti del genere sono molto rari all’Emirates Stadium. Invitiamo i nostri sostenitori a riferire ogni episodio simile, o agli steward dello stadio o attraverso il nostro servizio di segnalazione”. Così il comunicato.