Home La Vera Ignoranza Udinese, Scuffet in Turchia: va al Kasimpasa

Udinese, Scuffet in Turchia: va al Kasimpasa

256
UDINE, ITALY - AUGUST 26: Simone Scuffet of Udinese Calcio in action during the serie A match between Udinese and UC Sampdoria at Stadio Friuli on August 26, 2018 in Udine, Italy. (Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

Udinese, Scuffet in Turchia: va al Kasimpasa

Notizie Calciomercato Scuffet si trasferisce in Turchia. C’è l’accordo tra l’Udinese e il Kasimpasa per Simone Scuffet. Intesa totale tra i due club per il trasferimento dell’ex prodigio fiulano.

Simone Scuffet al Kasimpasa, secondo quanto riportato da Sky, c’è la chiusura dell’operazione per il trasferimento di Simone Scuffet al Kasimpasa. Il club turco ha trovato l’accordo totale con l’Udinese.

UDINE, ITALY – AUGUST 26: Simone Scuffet of Udinese Calcio in action during the serie A match between Udinese and UC Sampdoria at Stadio Friuli on August 26, 2018 in Udine, Italy. (Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

Il numero uno classe 1996 nelle prossime ore partirà da Venezia alla volta di Istanbul, da qui comincierà la sua nuova avventura.

Ad attenderlo dunque c’è il club che milita in Super Lig, ovvero il massimo campionato turco, in piena lotta per la qualificazione alla Champions League. Domani è prevista anche l’ufficiaità.

Il portiere friulano approderà al Kasimpasa in prestito secco fino al termine della stagione. Un’occasione importante per giocare con continuità, come non avviene a Udine. Dopo essere partito dal 1′ nella fase iniziale della Serie A, Scuffet ha perso il posto tra i pali a vantaggo di Musso.

Scuffet, prima esperienza all’estero dopo il no all’Atletico Madrid. Dopo aver provato con scarsi risultai in Serie B, quella al Kasimpasa è la prima avventura all’estero per Simone Scuffet. Una scelta curiosa quella del portiere che, eccezion fatta per un prestito al Como, ha sempre giocato in Friuli.

Consierato trra  migliori talenti italiani, giovanissimo si rese protagonista di un no all’Atletico Madrid (e anche al Milan). Il motivo? La voglia di continuare a crescere nella sua terra, una scelta che forse è costata cara al portierino.