Home Calcio Italiano Marotta, Gravina telefona al dirigente: lo vuole direttore del club Italia

Marotta, Gravina telefona al dirigente: lo vuole direttore del club Italia

138
MILAN, ITALY - JULY 26: Juventus CEO Giuseppe Marotta attends the Serie A 2018/19 Fixture unveiling on July 26, 2018 in Milan, Italy. (Photo by Emilio Andreoli/Getty Images)

Futuro Marotta, Gravina lo vuole al club Italia

MILAN, ITALY – JULY 26: Juventus CEO Giuseppe Marotta attends the Serie A 2018/19 Fixture unveiling on July 26, 2018 in Milan, Italy. (Photo by Emilio Andreoli/Getty Images)

Colpo di scena per Marotta. Nonostante le smentite delle ultime ore l’ex ad della Juventus potrebbe far parte del progetto della Nazionale. Secondo quanto riportato da Sky Sport, il candidato della Lega di Serie A alla presidenza della FIGC Gravina avrebbe telefonato a Marotta.

Il prossimo numero uno della FIGC, infatti, ha proposto a Marotta il ruolo di massimo dirigente del club Italia. Qualora Gravina fosse eletto, cosa assai probabile, allora sarebbe Marotta ad occupare quela posizione.

La telefonata ha fatto molto piacere a Marotta che, nonostante pensasse ad un futuro in un club (c’è il forte intresse da parte dell’Inter), si è detto entusiasta della proposta. Le parti si riaggiorneranno nelle prossime settimane.

Lo stesso Marotta aveva smentito l’ipotesi azzurra ma questo cambia le cose. Il dirigente aveva dichiarato a Rai 2: “Non c’è un motivo scatenante. Io mi adeguo a quelle che sono le loro idee e le loro direttive, per amore sia delle persone che della stessa Juve. Andare via? E’ un termine forzato sono un uomo d’azienda e sposo questa linea, certo di avere dato il 100%“. Una scelta comunque “dolorosa“, perché “in questi anni ho vissuto tante emozioni e sono state tutte belle.

Smentisco che io possa candidarmi alla Figc, perché non è la mia scelta. Il fatto che possa accasarmi in un altro grande club non lo escludo, sono un uomo che ha fatto 40 anni consecutivi in club, è la prima volta che mi fermo in campionato: ho bisogno di ricaricarmi, ma vorrei presentarmi nel 2019/20 al timone di un’altra squadra»