Home Calcio Estero Qualche chilo di troppo per Balotelli: il Nizza decide di multarlo

Qualche chilo di troppo per Balotelli: il Nizza decide di multarlo

195
Nice's Italian forward Mario Balotelli reacts during the French L1 football match Nice versus Rennes on April 8, 2018 at the Allianz Riviera Stadium in Nice, southeastern France. / AFP PHOTO / VALERY HACHE (Photo credit should read VALERY HACHE/AFP/Getty Images)

Mario Balotelli è tornato a Nizza dopo il doppio impegno della Nazionale italiana di Roberto Mancini. L’attaccante non ha brillato contro la Polonia nel pareggio per 1-1 (a segno prima Zielinski, pareggio firmato poi quasi allo scadere da Jorginho su rigore guadagnato da Federico Chiesa), mentre nel secondo match è stato tenuto fuori. Critiche ed un piccolo problema fisico hanno contribuito a rendere dimenticabile il suo momento dopo un’estate fin troppo chiacchierata. Super Mario sembrava destinato a lasciare la Francia, magari tornando in quella Serie A che l’ex Inter e Milan sogna ancora. Più volte ha ammesso sui social che vorrebbe provare un’esperienza a Napoli, ma non rientra nei parametri dei calciatori graditi al presidente Aurelio De Laurentiis.

VINOVO, ITALY – JUNE 03: Mario Balotelli of Italy speaks with the media during a Italy press conference at Juventus Center Vinovo on June 3, 2018 in Vinovo, Italy. (Photo by Claudio Villa/Getty Images)

Multa in arrivo

Mario è tornato alla base francese con qualche chilo di troppo, il club ha deciso di non perdonare questa sua scarsa forma fisica. A metà luglio l’attaccante alto 188 centimetri (ed il cui peso forma si aggira intorno agli 88 kg) pesava addirittura 103 chili. La bilancia è stata impietosa, ma già a Coverciano ha perso un po’ di peso pur presentandosi con un “punteggio” di 99.7. Il Nizza non ha gradito questo atteggiamento e, come annunciato dal presidente Rivère ai microfoni del Nice Matin, Balotelli è stato multato: “Mario si è messo fuorigioco da solo”. C’è comunque grande fiducia attorno all’attaccante italiano, che alla fine ha deciso di continuare in maglia rossonera: niente Marsiglia né Serie A né Bundesliga. Ecco allora che la società lo ha premiato con un aumento dello stipendio annuale.