Home Calcio Italiano Mattia Destro alla ricerca del riscatto: si riparte da una neopromossa

Mattia Destro alla ricerca del riscatto: si riparte da una neopromossa

663
BOLOGNA, ITALY - APRIL 15: Mattia Destro of Bologna FC looks on during the serie A match between Bologna FC and Hellas Verona FC at Stadio Renato Dall'Ara on April 15, 2018 in Bologna, Italy. (Photo by Mario Carlini / Iguana Press/Getty Images)

Anni difficili per Mattia Destro. Un attaccante che prometteva tantissimo, ma che poi ha deluso le aspettative. La grande stagione al Siena convinse la Roma nel lontano 2012 a puntare su di lui. Un ventunenne costato 16 milioni di euro: esordio contro l’Inter, primo gol contro il Palermo e prima doppietta proprio contro il suo Siena. La prima stagione in giallorosso non fu esaltante: i primi infortuni lo tennero fuori per numerose gare. Tante presenze saltate, ma la fiducia era intatta: soltanto a gennaio del 2015 viene ceduto in prestito oneroso con diritto di riscatto al Milan. Soltanto tre gol in quindici presenze non convincono il club rossonero, che lo rispedisce al mittente. La forma fisica comincia a non essere quella dei giorni migliori e nell’estate 2015 si trasferisce al Bologna, in prestito con obbligo di riscatto, per un totale di 10 milioni di euro. Nel campionato 2016-17 segna 11 reti, ritrovando la doppia cifra che gli mancava dal 2013-14.

Nuova opportunità

A Bologna non è la prima scelta, alle spalle di Falcinelli, Palacio e Santander. Il nuovo allenatore Pippo Inzaghi non è convinto di puntare su di lui, ma la Serie A non si priverà del classe ’91. C’è una neopromossa nel suo futuro: il club appena salito dalla Serie B confida nei suoi gol per raggiungere la salvezza. Il Parma fa sul serio – riferisce La Gazzetta dello Sport oggi in edicola – il direttore sportivo Faggiano ha già avviato i contatti. Un buon colpo anche per il fantacalcio: un attaccante che non farà gola agli avversari, ma che potrà garantire numerosi bonus nel corso del campionato. Il club potrebbe chiudere presto l’affare, dopo aver chiuso le porte a Super Mario Balotelli ed Antonio Cassano a causa dei costi troppo elevati. Il Ds Faggiano nelle giornata di ieri ha infatti rivelato di aver sondato il terreno per i due discussi campioni, ma la stabilità dei conti non si può mettere in pericolo.