Home Calcio Italiano Fiorentina-Napoli, Sarri infuriato con la squadra: “Che stiamo combinando?”

Fiorentina-Napoli, Sarri infuriato con la squadra: “Che stiamo combinando?”

641
MILAN, ITALY - APRIL 15: SSC Napoli coach Maurizio Sarri looks on before the serie A match between AC Milan and SSC Napoli at Stadio Giuseppe Meazza on April 15, 2018 in Milan, Italy. (Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

Fiorentina-Napoli è stata una doccia ghiacciata per gli azzurri. Qualcuno credeva che i viola si sarebbero scansati, ma il Cholito Simeone non è stato d’accordo. Tre reti da vero bomber: gol decisivi e pesantissimi. La sua tripletta sembra aver deciso lo scudetto, regalato così dalla Fiorentina agli acerrimi rivali della Juventus. Alzi la mano chi avrebbe scommesso su un 3-0 finale a favore dei padroni di casa. La squadra di Pioli ha superato se stessa, vincendo contro la seconda in classifica. Il Napoli è andato in difficoltà per l’espulsione di Kalidou Koulibaly dopo appena otto minuti. Una prestazione non all’altezza, Maurizio Sarri avrà tanto lavoro da fare alla ripresa degli allenamenti.

Sarri infuriato

Il gol che ha sbloccato Fiorentina-Napoli, in particolare, ha fatto scatenare Sarri. L’allenatore partenopeo voleva vincere e sarebbe sceso in campo in prima persona se fosse servito. Dopo la rete di Simeone – riferisce Sky – Sarri ha esclamato: “Ma che cosa stiamo combinando oggi?”. Il Cholito non ha lasciato scampo all’avversaria, beato chi l’ha preso al fantacalcio…

Fiorentina’s Argentinian forward Giovanni Simeone (C) scores during the Italian Serie A football match Fiorentina vs Napoli on April 29, 2018 at Artemio-Franchi stadium in Florence. (Photo by ALBERTO PIZZOLI / AFP) (Photo credit should read ALBERTO PIZZOLI/AFP/Getty Images)

Serve una reazione

Il tecnico è stato chiaro anche in conferenza stampa al termine del match: serve una reazione. Ecco le sue parole: Una prestazione negativa che analizzeremo a fondo e che proveremo a riscattare subito. Ma questi ragazzi hanno dato tutto: vanno ringraziati. È stata una partita sbagliata. E la causa, nel modo più assoluto, non è stata la mancanza di volontà. In questa stagione siamo stati, sempre, molto bravi a reagire alle avversità. Oggi, purtroppo, non è andata così”.

La Juventus di Massimiliano Allegri era una spettatrice più che interessate alla sfida. Adesso il titolo sembra ipotecato, soltanto un suicidio bianconero potrebbe far perdere lo scudetto. Il dominio della Juventus in Italia continua, ma il Napoli può essere fiero di averci provato praticamente fino alla fine.