Home Calcio Estero Mourinho distrugge Ibrahimovic: “Non giocherà più a grandi livelli”

Mourinho distrugge Ibrahimovic: “Non giocherà più a grandi livelli”

541
MANCHESTER, ENGLAND - MARCH 17: Jose Mourinho the Manchester United manager watches his team prior to the Emirates FA Cup Quarter Final between Manchester United and Brighton & Hove Albion at Old Trafford on March 17, 2018 in Manchester, England. (Photo by Alex Livesey/Getty Images)

Il Manchester United domani pomeriggio affronterà i gallesi dello Swansea all’Old Trafford. José Mourinho è intervenuto in conferenza stampa per presentare la gara e soprattutto per commentare l’addio di Zlatan Ibrahimovic, volato alla corte del Los Angeles Galaxy in MLS. Il tecnico portoghese lo ha salutato ricordando un altro celebre addio vissuto durante la sua gestione: “Trovo che sia sempre triste quando un campione si avvia verso la fine della propria carriera. Penso all’ultima apparizione di Figo all’Inter, è stato uno dei momenti più tristi della mia carriera. Zlatan ha imboccato il finale della propria avventura come calciatore. Questo sarà un periodo fantastico per lui, ma non tornerà più ai suoi grandissimi livelli. La MLS gli servirà per passare da essere un calciatore ad un ex calciatore, ma la sua presenza aiuterà il calcio americano. E’ stato un esempio e ha tanto da insegnare in questo nuovo paese. Le sue qualità sono fuori dal comune”.

MANCHESTER, ENGLAND – DECEMBER 26. Zlatan Ibrahimovic of Manchester United looks dejected during the Premier League match between Manchester United and Burnley. Old Trafford on December 26, 2017 in Manchester, England. (Photo by Stu Forster/Getty Images)

L’addio di Zlatan

Il campionato americano non è all’altezza di quelli europei, ma lo svedese cercava nuove avventure e sui social ha scritto appena qualche giorno fa: “Anche le grandi cose hanno una fine, questo è il momento di andare avanti dopo due grandi stagioni con il Manchester United. Grazie al club, ai tifosi, alla squadra, al tecnico, allo staff e a tutti coloro che hanno condiviso con me questa parte della mia storia”.